Cronache Italiane

cronache_italianeLa storia d’Italia è piena di scandali più o meno noti: dalle trame politiche alle questioni meramente finanziarie. Il panorama degli scandali italiani passa dalle vicende di mani pulite o del caso Telecom-Sismi fino ad arrivare al lodo Mondadori o al crack della Parmalat.

Il mondo dell’editoria si è sempre occupato di questo lato “sporco” dell’Italia con libri-denuncia. Sono innumerovoli i libri sulle vicende fatte di tangenti e processi: si parte dal lodo Mondadori con le pubblicazioni di Travaglio e Gomez dal titolo “Le mille balle blu” a “Il cuore e la spada”di Bruno Vespa per arrivare al caso più clamoroso della Seconda Repubblica, quello Telecom, raccontato nel 2002 dal giornalista de Il Sole 24 Ore, Giuseppe Oddo, e da Giovanni Pons in “L’affare Telecom” e dal libro “Telecom, la banda larga di Joe Basilico che punta l’attenzione su questa spy story con un unico protagonista, Marco Tronchetti Provera (indagato e poi prosciolto dalle accuse).

Un libro fresco di stampa è poi quello di Roberto Saviano che, prendendo spunto dalla sua fortunata partecipazione alla trasmissione-evento con Fazio su Raitre, ha pubblicato “Vieni via con me”. 8 storie raccontate durante il programma tv che Saviano ha riportato in questo suo ultimo libro in quanto ben rappresentano lo stato attuale dell’Italia. La criminalità al Nord, la questione dell’emergenza rifiuti a Napoli, il meccanismo della diffamazione citando i casi Boffo, Cosentino, la casa di Montecarlo e anche Giovanni Falcone: questi ed altri temi sono trattati con maestria da Roberto Saviano che con il suo libro insegna il lettore a riflettere sulla disastrosa situazione italiana.

Un ritratto in negativo del Bel Paese che viene giustificato dall’ingordigia e insaziabilità di una certa politica nel libro “La casta” dei due famosi giornalisti Antonio Stella e Sergio Rizzo. Un reportage di inchiesta che racconta storie incredibili fatte di finanziamenti pubblici quadruplicati dai partiti, spese di rappresentanza dei governatori molto più alte del Presidente tedesco, elevati costi del Quirinale che arriva a spendere il quadruplo in più della Corona britannica.  Numeri scandalosi che parlano di sprechi ingiustificati di una casta politica fatta di costi, sprechi e privilegi.

Insomma, il panorama politico-sociale attuale non manca di spunti in tema di scandali e il mondo dell’editoria ne approfitta.

La situazione creditizia in Italia

La crisi economica si è fatta sentire anche in Italia, questo è indubbio. Prima Berlusconi, poi Monti, poi ancora Letta ed infine Matteo Renzi hanno provato a risollevare le sorti economiche del nostro paese, purtroppo solo a fortune alterne.

La disoccupazione continua a rimanere alta, in maniera particolare tra i giovani e nel sud Italia, il numero di coloro che sono talmente scoraggiati dalla situazione generale da non cercare più lavoro è in continuo aumento, e anche per i liberi professionisti e gli autonomi la situazione non è rosea. Complice, in questo caso, anche lo Stato che impone delle tasse davvero molto alte (in media si parla di una percentuale compresa tra il 50 e il 60%).

In tutto questo, anche la situazione creditizia ne è influenzata, purtroppo. Le banche hanno spesso chiuso i rubinetti del credito verso privati e piccole imprese, e solo intermediatori creditizi decennali come Italprest sono spesso l’unica ancora di salvezza. Il numero dei cattivi pagatori e dei protestati è in aumento e questo certamente non migliora la situazione nel suo complesso, anzi.

C’è bisogno di riforme, ma di quelle serie, quelle con la “R” maiuscola, quelle fatte da politici che possano pensare al bene del paese prima di ogni altra cosa.